Progressive Rock Info | L’album che dura tanto
15990
post-template-default,single,single-post,postid-15990,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
 

L’album che dura tanto

15 Ott L’album che dura tanto

L’altro giorno ho consigliato ad un’amica appassionata di musica l’ascolto di Tales from topographic oceans degli Yes. Senza che vi racconti tutto del disco (andate all’articolo di Wikipedia cliccando qui), la cura (e la ricerca) con la quale questo lavoro è stato realizzato lo rende un prodotto degno di nota. Tuttavia, nel momento stesso in cui ho consigliato il disco, ho detto: “attenta, preparati prima perché dura tanto”.
E’ una raccomandazione che faccio sempre. Non so perché ma, questa volta, subito dopo averla fatta mi sono fermato a pensare. E’ stato giusto dirle: “attenzione”? Può questa premessa influire negativamente sulla percezione dell’ascoltatore? Purtroppo sì. Però, effettivamente, dura tanto.
Nonostante Tales from topographic oceans sia un’ottimo prodotto, esso è pure uno degli argomenti più controversi del Rock Progressivo. Perché viene considerato l’album più “difficile” da affrontare per l’ascoltatore non per la complessità della musica (ci sono album più complessi) ma per la durata.
Doppio album, quattro suite. Significa un’ora e 23 minuti di musica. Dato che si parte dal presupposto che gli album Prog debbano essere sempre ascoltati dall’inizio alla fine per capirne il senso, vi immaginate cosa possa significare nel 2017 consigliare l’ascolto di quasi un’ora e mezza di musica tutta di seguito? In tempi di YouTube e di brani che durano sempre di meno, siamo oltre la temerarietà. Il livello d’attenzione ottimale può arrivare con molta fortuna a coprire una suite. Pensate quattro.
Ecco il perché della raccomandazione. C’è un modo per ovviare al problema? Una soluzione potrebbe essere quella di arrivare a “Tales” passando per la discografia precedente degli Yes. Ma questo aumenterebbe l’ammontare di tempo necessario per affrontare “Tales”.
Chissà, forse si potrebbe provare a non dire niente. A lasciare che a parlare sia la qualità. E’ un grosso rischio. Tuttavia, a volte, bisogna anche provare a rischiare…