Progressive Rock Info | Iron and Wine – Our Endless Numbered Days
15883
post-template-default,single,single-post,postid-15883,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
 

Iron and Wine – Our Endless Numbered Days

03 Ago Iron and Wine – Our Endless Numbered Days

Quanto siamo influenzati dalla scelte delle persone che abbiamo vicino? Abbastanza, direi. Nel campo musicale, il Prog è una mia scelta. Tuttavia, molte altre cose che ascolto con piacere sono artisti o generi che piacciono ai miei amici o ai miei parenti. Rimanendo in ambito famigliare Vecchioni, ad esempio, mi piace perché è legato a dei ricordi molto vividi della mia infanzia. E’ uno dei cantautori preferiti di mio padre. E l’ho inserito nella lista delle cose che mi piacciono. Gli Iron and Wine, gruppo indie (che vuol dire indipendente, anche se é una categoria molto aleatoria) piacciono a mia sorella.
Mi ricordo quando, qualche anno fa, siamo andati insieme a sentirli in Emilia-Romagna. Fu un viaggio molto bello. Generalmente, come potete ben immaginare, gruppi come gli Iron and Wine, non sono il genere di cose che ascolto. Però, in determinati momenti, possono dare molto. Come in una sera come questa.
Questa, per me, non è una sera da Prog. Dopo una giornata dura, una sessione di power walking di 20 chilometri e dopo un paio di cocktail – preparati con mano pesante – in corpo, avevo bisogno di un brano come Fever Dream.

Some days her shape in the doorway
Will speak to me
A bird’s wing on the window
Sometimes I’ll hear her when she’s sleeping
Her fever dream
A language on her face

I want your flowers like babies want God’s love
Or maybe as sure as tomorrow will come

Some days, like rain on the doorstep
She’ll cover me
With grace in all she offers
Sometimes I’d like just to ask her
What honest words
She can’t afford to say, like

I want your flowers like babies want God’s love
Or maybe as sure as tomorrow will come

Gli Iron and Wine mi sono tornati in mente ieri, per caso. Era da tanto che non li ascoltavo. Questa canzone, in questo momento, è LA canzone. Una condizione particolare – che forse chi mi sta leggendo conosce – in cui un brano riesce a trasmetterti le emozioni di cui hai bisogno. Le emozioni che cerchi. O, semplicemente, quelle che vuoi amplificare.
Il bravo progster, non può limitarsi al Prog. Un appassionato di un genere ecumenico come il progressive rock dovrebbe ascoltare di tutto. Ecco perché, stasera, vi consiglio l’album Our Endless Numbered Days degli Iron and Wine.