Progressive Rock Info | Soft Machine – Softs
15803
post-template-default,single,single-post,postid-15803,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
 

Soft Machine – Softs

04 Giu Soft Machine – Softs

Ho parlato di questo disco nel mio terzo libro: “Rock Progressivo vol. 3 – A Gentile Richiesta”. Continuo a sostenere che “Softs” sia un album da rivalutare. Sì, è vero. In questi Soft Machine non ci sta più un elemento originale della band. Tuttavia, questo particolare non può essere preso, a mio avviso, come pretesto per dire che il materiale proposto in questo disco non sia buono.

Le atmosfere che Karl Jenkins e compagni riescono a trasmettere sono meditative, eteree, tranquille, sognanti. Softs è ottimo per potersi concedere dei momenti di relax. E’ uno dei dischi che “uso” più di frequente quando ho bisogno di “ritrovarmi”. Riesce, in qualche modo, a farmi tornare in pace con me stesso. Ed è principalmente per questo motivo per cui vi consiglio l’ascolto. Molto spesso, “il logorio della vita moderna” ci porta ad essere sfasati. Magari non riusciamo a trovare una causa precisa. “Sappiamo” soltanto che non ci troviamo allineati con il mondo che ci circonda. Per riallinearsi ci sono tanti modi. Rimanendo in quelli legali, la musica… la buona musica… resta sempre uno dei mezzi migliori per superare i piccoli (o grandi) momenti “no”.

Viva! 🙂