Progressive Rock Info | Elvis Costello – North
15800
post-template-default,single,single-post,postid-15800,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
 

Elvis Costello – North

03 Giu Elvis Costello – North

Mi voglio dilettare con un super off-topic: “North” di Elvis Costello (2003). Credo che questo disco – assieme a “Painted From Memory” scritto e composto a quattro mani con Burt Bacharach – rappresenti il meglio della discografia di Costello. Di questo meglio, poi, le canzoni più interessanti per assurdo risultano essere tutte bonus track.

Iniziamo proprio con quella che dovrebbe essere la title track, ovvero “North”. Non è presente nel disco. Si poteva scaricare solo in digital download oppure si può ascoltare nella versione Cd + DVD. Passiamo poi ad Impatience, che è una delle canzoni a me più care. E’ presente solo in alcune edizioni del disco (la giapponese e l’inglese). Ho appena controllato: su iTunes è disponibile. In ogni caso, eccola:

Ci sta pure una terza bonus track dal titolo “Too Blue”. Secondo il sito Elvis Costello Wiki, pare che sia presente solo nella versione giapponese del disco. Ho provato a cercarla sul Tubo o da altre parti ma non l’ho trovata.

L’album “regolare”, invece, rientra appieno nella “seconda” carriera di Costello, ovvero quella di autore romantico, impegnato e fine. Costello ha due carriere. Quella degli esordi – piuttosto “elettrica”, movimentata, nervosa – e la seconda carriera. Ho sempre preferito il “secondo” Costello al primo. Anche perché ha dato prova di riuscire a scrivere cose meravigliose. Da solo (come questo North ad esempio) oppure in compagnia dei grandi (come Paul McCartney o il già citato Bacharach).
Tra le varie canzoni, vorrei mettere in risalto due brani. Il primo è “Still”:

Il secondo brano, invece, è “Let me Tell About Her” (chiedo scusa per il video):

Questo è un album che non mi stancherò mai di consigliare. Se volete farci un pensierino vi metto il link alla pagina di Amazon.

P.S. Un giorno vi parlerò pure di “Painted From Memory”.