Progressive Rock Info | Come si lavora in team
15834
post-template-default,single,single-post,postid-15834,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
 

Come si lavora in team

28 Giu Come si lavora in team

Forse non tutti sanno che la mia passione – non troppo segreta – a parte il Prog è il Pop d’autore raffinato. E, quando si parla di Pop d’autore raffinato, c’è solo un nome che si può fare: Burt Bacharach.
Il quadro con il disco di Tarkus degli ELP si trova in salone. Gli altri quadri Prog si trovano in corridoio. Ma in camera mia, sopra alla mia scrivania, troneggia la fotografia di Burt Bacharach che si trova all’interno del disco “Portrait in Music”. Che è, tra l’altro, il primo disco che ho ascoltato di Bacharach, quello al quale sono più affezionato (assieme a Painted From Memory e Living Together).
Quello che mi piace di Bacharach è il fatto che sia un professionista, nel senso più nobile del termine. Non solo è un vero e proprio creatore di hit ma la sua bravura è in gran parte dovuta al fatto che sia una persona ferma, precisa e senza tentennamenti nel proprio lavoro.
Ogni tanto mi vado a spulciare Youtube per vedere se riesco ad intercettare nuovi video di Bacharach. Recentemente il sito mi ha consigliato un video che non avevo mai visto: una sessione di lavoro con Dionne Warwick. Ho trovato il video meraviglioso. Spero che voi possiate comprendere quello che i due si dicono ma, soprattutto, come lo dicono. Questa è una sessione di lavoro produttiva, seria quanto basta e distesa. Certo, bisogna sempre ricordare che, essendoci una telecamera accesa, le reazioni dei due sono ovviamente mediate. Tuttavia, non penso che anche a telecamere spente, la creazione e la realizzazione di una canzone di Bacharach sia poi tanto differente.
Un modello, sicuramente un’ispirazione.
Ecco perché, quando mi alzo alla mattina, prima di salutare l’armadillo meccanico degli ELP, saluto Burt.
(Qui sotto la versione incisa su disco di Loneliness remembers what happiness forgets)